Il geometra in breve

Profili professionali: Costruzioni, Ambiente e Territorio

Geometra: una scelta professionale europea

necessiti di…
costruire/ristrutturare/ampliare/sopraelevare il tuo immobile?
accatastare, frazionare o misurare un immobile o un terreno?
redigere un attestato di certificazione energetica perché devi vendere o affittare?
redigere un contratto per compravendita immobiliare o perchè devi locare?
seguire la sicurezza in cantiere, dalla progettazione all’esecuzione delle opere?
fare la dichiarazione di successione in caso di perdita di un tuo caro?
stimare e valutare il tuo immobile al valore di mercato o per concessione di mutuo, leasing?
valutare costi e interventi per opere edili magari per il futuro dei tuoi figli?
se il tuo vicino o l’amministratore di condominio ha ragione?
se conviene fare o non fare degli interventi per risparmiare energia?
valutare l’impatto acustico del tuo immobile o per una nuova apertura di attività?
altro ancora…??

Un Geometra fa al tuo caso.

Ove non sussista l’obbligo di firma da parte di un tecnico abilitato Vi consigliamo, comunque, di non affidarvi direttamente ad una ditta ma di avvalervi della collaborazione di un tecnico che può, per vostro conto, valutare i preventivi, validare il rispetto degli accordi, controllare la qualità dei materiali e ordinare le forniture. Un professionista ottimizza le soluzioni per la vostra casa, realizzando spazi confortevoli, comodi, durevoli e nel rispetto delle vostre esigenze.

Il geometra nella libera professione

La scelta di svolgere la professione in autonomia comporta una sorta di vocazione in chiunque intraprenda gli studi per diventare geometra.
Una figura rispettata, fin dai tempi più antichi, per le sue conoscenze poste a tutto campo a servizio della società.
Radici profonde legano questa professione al territorio e all’ambiente e questo legame consente al geometra di godere dell’incondizionata fiducia della clientela per tutte le necessità; riguardanti ogni aspetto della loro gestione.
La topografia, l’edilizia e l’estimo sono le scienze tipiche della sua attività e da millenni il geometra ne ha seguito da protagonista attento e puntuale la straordinaria evoluzione.
Non a caso questa professione è la più diffusa in tutto il territorio nazionale ed è profondamente inserita nei settori vitali della società; non a caso è la più considerata dall’opinione pubblica che ne apprezza la competenza, l’affidabilità e la capacità professionale.

Il geometra nel mercato del lavoro

Nelle pubbliche Amministrazioni, nelle imprese e nelle grandi aziende, la figura del geometra è ricercata per la sua specifica competenza teorica e pratica.
Non esiste Comune dove non sia presente questa figura che trasforma il suo titolo in istituzione alla quale sono affidati compiti di grande responsabilità, sempre assolti con tenacia e passione, lasciando indelebili impronte nella società.
Non è possibile pensare al Catasto senza pensare al geometra che, con paziente ed operoso impegno, lo ha realizzato ed oggi lo custodisce.
Non esiste cantiere grande o piccolo che non affidi al geometra funzioni e compiti delicatissimi per la sicurezza, per la funzionalità; e per l’economia dell’industria delle costruzioni.
FONTE “IL MESSAGGERO”

Il Geometra è il professionista polivalente per preparazione e storia professionale.
E’ un tecnico del territorio, dell’ambiente e delle costruzioni; è il naturale consulente per le esigenze di famiglia.
E’ il Professionista per qualsiasi necessità e problema.

Conseguimento del titolo professionale:
Il titolo professionale di geometra laureato spetta a chi abbia superato l’esame di Stato per la professione di geometra e sia in possesso di uno dei seguenti titoli:
I) lauree delle seguenti classi, comprensiva di un tirocinio di sei mesi:
– classe 4 – scienze dell’architettura e dell’ingegneria edile;
– classe 7 – urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale;
– classe 8 – ingegneria civile e ambientale.
II) Diplomi universitari:
– Edilizia;
– Ingegneria delle infrastrutture;
– Sistemi informativi territoriali.

Condizioni per l’esercizio dell’attività professionale – Attività professionale:
Per esercitare l’attività professionale di geometra laureato è necessario essere iscritti all’albo professionale dei geometri. L’albo è peraltro unico per i geometri e i geometri laureati; né esiste differenza circa le attività professionali esercitabili dagli uni e dagli altri, che sono quelle che la legge riserva ai geometri.
Si possono iscrivere all’albo coloro che abbiano superato l’esame di Stato.
Fonti:
d.P.R. 5 giugno 2001, n. 328 (in G.U. 17 agosto 2001, n. 190 S.O.).

Sito del Consiglio Nazionale dei Geometri: www.cng.it

Standard di Qualità

Il processo di qualificazione professionale della categoria dei geometri si concretizza attraverso la specificazione dei requisiti di conoscenza, competenza, capacità ed esperienza delle prestazioni assicurate dai geometri e geometri laureati, in modo da soddisfare le esigenze della committenza pubblica e privata, dell’impresa e del cittadino. Primo fra le categorie professionali, il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati ha intrapreso con il progetto “Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri”, un percorso di valorizzazione della categoria in un’ottica di qualificazione dell’attività professionale. Nell’ambito di una collaborazione avviata nel 2009, CNGeGL e UNI hanno ora concluso l’elaborazione di 48 Specifiche dedicate alle attività professionali più ricorrenti svolte nei settori applicativi afferenti alle seguenti tre macro-aree: – edilizia, urbanistica e ambiente, – estimo e attività peritale, – geomatica e attività catastale. UNI, quale ente super partes, ha fornito a CNGeGL la propria competenza metodologica in materia di gestione dei processi di definizione dei requisiti di conoscenza ed abilità del professionista, ad integrazione del suo ruolo di auto-regolamentazione trasparente e volontaria delle attività professionali.

LE COMPETENZE

TOPOGRAFIA APPLICATA – RILIEVI DEL TERRITORIO
Esegue rilievi topografici planimetrici ed altimetrici. Determina le coordinate e le quote dei punti, calcola le superfici. Traccia confini, opere stradali e di urbanizzazione. Inserisce in mappa i fabbricati. Calcola i relativi costi.

CATASTO (AGENZIA DEL TERRITORIO)
Esegue rilievi finalizzati all’aggiornamento cartografico del catasto, frazionamenti di aree, inserimenti in mappa di nuovi edifici o demolizione di quelli non più esistenti. Redige planimetrie catastali delle unità immobiliari. Calcola la consistenza, attribuisce categoria, classe e rendita alle unità immobiliari. Si occupa di visure e ispezioni catastali e ipotecarie.
Esegue volture per passaggi di proprietà e istanze di rettifica di errori o per l’evasione di variazioni pregresse non ancora lavorate.

PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E CONSERVAZIONE EDILIZIA -DIREZIONE LAVORI, LIQUIDAZIONE E CONTABILITA’
Progetta edifici di civile abitazione, commerciali, terziari, produttivi e rurali. Progetta ampliamenti e sopraelevazioni di fabbricati esistenti. Cura il rilascio di tutte le autorizzazioni abilitative necessarie per costruire, ampliare e ristrutturare un fabbricato. Redige preventivi e contratti, dirige e organizza i cantieri edili, contabilizza le opere eseguite e le collauda. Calcola oneri e tributi di legge. Costi e benefici dell’opera.

LA PREVENZIONE INCENDI (EX 818)
Il Geometra redige progetti nel rispetto della normativa antincendio e ne certifica la conformità alle stesse.

RISPARMIO E CERTIFICAZIONE ENERGETICA – ACUSTICA AMBIENTALE
Progetta e certifica l’isolamento termico e acustico degli edifici curando nei particolari la progettazione e la realizzazione dell’involucro edilizio. Progetta gli impianti necessari alla produzione di calore ed energia in funzione dei parametri dettati dalla vigente normativa, abbinando agli stessi le più recenti fonti tecnologiche rinnovabili idonee a contenere i consumi energetici degli immobili.
Ottimizza le soluzioni sia che si tratti di nuovo edificio sia che si tratti di risanamento ed o restauro. Analizza economicamente i costi e i benefici nei casi specifici.
Redige la certificazione energetica degli edifici esistenti e di quelli di nuova costruzione. Tale certificazione è divenuta indispensabile per poter vendere o affittare un immobile.

STIME, PERIZIE, CONTRATTI, SUCCESSIONI, DONAZIONI E AMMINISTRAZIONE IMMOBILIARE (AGENZIA ENTRATE)
Redige stime e valutazioni di immobili in funzione di atti di compravendita, divisioni, mutui, leasing.
Predispone e registra contratti preliminari di compravendita. Amministra condomini, redige le tabelle millesimali ed il regolamento condominiale per la ripartizione delle spese. Conteggia e calcola il canone di locazione, predispone e registra i relativi contratti di affitto. Stima aziende.
Redige pratiche di successione ereditaria e divisioni testamentarie a seguito della morte di un proprio caro.
Il Geometra, quale consulente tecnico del Tribunale nominato dal giudice o in veste di consulente di parte, svolge consulenze tecnico legali per vertenze di carattere civile e penale.

SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E NEI CANTIERI EDILI (D.LGS. 81/2008 e s.m.i.)
Ricopre la figura del Coordinatore per la Sicurezza sia nella fase di progettazione sia in quella di esecuzione dei lavori.
Funzione di tale incarico è quello di progettare ed eseguire i lavori edili e complementari nel rispetto delle norme di sicurezza. Il Geometra opera quindi adeguate scelte tecnico organizzative in modo da pianificare ed eseguire i lavori in modo da evitare infortuni in cantiere. Vigila anche sulla regolarità delle imprese e dei lavoratori autonomi incaricati dal committente.
Figura quale RSPP (responsabile sicurezza prevenzione e protezione) negli ambienti di lavoro.
Il tutto a tutela dei lavoratori ma anche del committente.

Geom. Bellone Rosario

FIG

Federazione Internazionale Geometri
La Federazione Internazionale Geometri è un’organizzazione non governativa, composta da oltre 100 Paesi Membri, il cui scopo è quello di supportare le collaborazioni internazionali per il progresso della professione del geometra, in tutti i suoi campi e applicazioni.

La FIG è la prima organizzazione internazionale rappresentante gli interessi del geometra a livello mondiale.

La FIG è stata fondata nel 1878 a Parigi sotto il nome di “Fèdèration Internationale des Gèometres”. E’ una federazione di organizzazioni internazionali ed è l’unico corpo internazionale che rappresenta tutte le discipline relative al geometra.
E’ un’organizzazione non governativa riconosciuta dalle Nazioni Unite (NGO) ed ha come obiettivo quello di garantire che tutte le discipline del geometra soddisfino il mercato e la comunità. Essa realizza tale obiettivo promovendo l’esercizio della professione ed incoraggiando lo sviluppo degli standards professionali.
Le attività della FIG sono dirette da un piano di lavoro. L’attuale piano di lavoro è intitolato “Building the Capacity” e ha come obiettivo quello di individuare le particolari necessità relative alla capacità di costruire nei Paesi in via di sviluppo, al fine di combattere la povertà e accrescere/potenziare le basi per un futuro sostenibile.
In generale, il piano di lavoro focalizza la risposta del geometra ai cambiamenti sociali, economici, tecnologici ed ambientali ed ai bisogni particolari e puntuali dei Paesi nelle operazioni economiche. La FIG assicura anche l’evoluzione continua dei mercati per i servizi offerti dai geometri. Il piano di lavoro summenzionato enfatizza l’importanza delle istituzioni professionali, promovendo lo sviluppo ed incoraggiando i geometri ad acquisire nuove capacità e nuove tecniche, in modo tale da essere propriamente preparati per soddisfare i bisogni della società (nel rispetto, anche, delle esigenze ambientali).

Chi sono i membri della FIG
Oltre 100 Paesi sono rappresentati nella FIG da

associazioni membri – associazioni nazionali rappresentanti una o più discipline del geometra;
affiliati – gruppi di geometri o organizzazioni di geometri impegnati nelle attività professionali ma che non seguono i criteri propri delle associazioni membri;
membri corporativi – organizzazioni, istituzioni o agenzie che forniscono servizi commerciali relativamente alla professione del geometra;
membri accademici – organizzazioni, istituzioni o agenzie che promuovono la formazione o la ricerca in una o più discipline del geometra.

In che modo lavora la FIG?
Il Lavoro tecnico della FIG viene svolto dalle 10 commissioni sottoindicate. Ogni associazione membro nomina un delegato per CIASCUNA Commissione. Per le informazioni dettagliate relative al lavoro delle Commissioni, ai gruppi di lavoro, seminari e pubblicazioni delle stesse si veda il sito www.fig.net/comm/comindex.htm.

Commissione 1 – esercizio professionale
Presidente: Yaacoub Saade (Libano)
Principi etici e codici di condotta professionale; direttive relative alla provvigione dei servizi; cambiamenti riguardanti l’operazione dell’esercizio professionale; gestione e struttura della professione; legislazione internazionale relativa alla professione comprendente la liberalizzazione del commercio nell’ambito dei servizi; il ruolo del geometra nel pubblico servizio.
Commissione 2 – formazione professionale
Presidente: Bela Markus (Ungheria)
Metodi di formazione e di insegnamento; sviluppo professionale continuo e tirocinio; interazione tra formazione, ricerca ed esercizio; incoraggiamento dello scambio tra studenti e personale provenienti da Paesi diversi.
Commissione 3 – gestione delle informazioni spaziali
Presidente: Chryssy Potsiou
Gestione delle informazioni relative alla proprietà, al territorio e alla idrografia; infrastrutture dei dati spaziali – modelli, standard, aspetti legali, gestione della conoscenza spaziale; gli impatti sulle strutture organizzative, sui modelli di lavoro, e sull’esercizio ed amministrazione della professione; gestione delle informazioni spaziali supportanti lo sviluppo sostenibile.
Commissione 4 – idrografia
Presidente: Andrew Leyzack
L’ambiente marino; il rilievo idrografico; elaborazione e gestione dei dati; mappe nautiche e batimetriche – analoghe, digitali ed elettroniche.
Commissione 5 – posizione e misurazione
Presidente: Rudolf Staiger (Germania)
La scienza della misurazione; l’acquisizione accurata, precisa ed attendibile dei dati della misurazione; dimensione e forma degli aspetti naturali ed artificiali della terra e dell’ambiente.
Commissione 6 – rilievi di ingegneria
Presidente: Alojz Kopacik (Slovacchia)
Acquisizione, gestione ed elaborazione delle informazioni topografiche; elaborazione di metodi nei progetti di ingegneria; controllo sulla deformazione, analisi ed interpretazione; predizione delle deformazioni nei progetti di ingegneria (miniere ed aree geologiche).
Commissione 7 – catasto e gestione del territorio
Presidente: Andràs Osskò (Ungheria)
Amministrazione e gestione del territorio; riforma catastale e catasti con diverse finalità; sistemi informativi del territorio ed informatizzazione dei registri catastali; rilievo catastale; diritto terriero, possesso terriero, legge terriera e legislazione della terra; consolidamento del territorio urbano e rurale; confini nazionali ed internazionali; gestione delle risorse marittime e territoriali.
Commissione 8 – progettazione e sviluppo spaziale
Presidente: Daine Dumashie (Regno Unito)
Progettazione delle strutture locali ed urbane; progettazione dell’utilizzo del territorio urbano e rurale; politica di progettazione e miglioramento ambientale; sviluppo urbano ed implementazione; collaborazione pubblica e privata; sistemazione informale ed urbanizzazione dei Paesi in via di sviluppo; valutazione dell’impatto ambientale.
Commissione 9 – valutazione e gestione dei beni immobiliari
Presidente: Kauko Viitanen (Finlandia)
Valutazione – stima del valore di beni immobiliari per diversi scopi (valore di mercato, tassa sulla proprietà, diritto che ha lo Stato di espropriare per pubblica utilità, risarcimento danni, acquisizioni per uso pubblico); investimenti al valore di mercato; sviluppo delle finanze; gestione della proprietà; gestione dei sistemi di proprietà per garantire un uso efficiente delle risorse pubbliche e private; gestione della proprietà del pubblico settore.
Commissione 10 – gestione delle economie per le costruzioni
Presidente: Andrew Morley (Regno Unito)
Costruzione ed informazioni tecnologiche; economie di costruzioni e misurazione; gestione della costruzione e gestione ambientale; legge sulla costruzione e contratti amministrativi.
Gli organi della FIG
La FIG è composta dai seguenti organi:
1. L’Assemblea Generale dei membri
2. Il Consiglio Esecutivo, a sua volta composta da:
· Presidente – Prof. Stig Enemark (Danimarca)
· Vicepresidenti:
Dr. Dalal S. Alnaggar (Egitto)
Sig. Matthew B. Higgins (Australia)
Sig. G.K. Ken Allred (Canada) (2007-2008)
Prof. Paul van der Molen (Olanda) (2007-2008)
Sig. Iain Greenway (Regno Unito) (2009-2010)
Sig. Teo Chee Hai (Malaysia) (2009-2010)
3. Rappresentante ACCO
Dr. Chryssy Potsiou (Grecia)
Ogni riunione dell’Assemblea Generale ha luogo 1 volta l’anno, durante la FIG Working Week o durante il Congresso FIG.

I lavori si svolgono in lingua inglese.

 

RSPP AZIENDE E IMPRESE

 

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) è una figura introdotta nell’ordinamento italiano dal D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626, in recepimento di diverse Direttive Europee riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro. Si tratta del professionista esperto in sicurezza, in protezione e prevenzione designato dal datore di lavoro per gestire e coordinare le attività del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi (SPP), ovvero “l’insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori” (art. 2 comma 1 lettera l) del D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni).

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione collabora con il datore di lavoro, il medico competente ed il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza alla realizzazione del Documento di valutazione dei rischi

Per poter ricoprire le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è necessario essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di scuola media superiore ed avere conseguito gli attestati relativi a specifici corsi di formazione abilitanti denominati comunemente “modulo A, modulo B e modulo C”. I contenuti dei 3 moduli formativi sono definiti negli allegati all’accordo sancito il 26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome.

Il modulo A, la cui durata prevista è di 28 ore, costituisce il corso generale di base e riguarda tematiche generali quali la normativa di riferimento, i soggetti del sistema prevenzione (datore di lavoro, lavoratori, dirigenti, preposti, RSPP, medico competente, responsabile dei lavoratori per la sicurezza (RLS), progettisti, lavoratori autonomi, ed altro). Inoltre vengono espressi concetti quali rischio biologico, chimico, fisico, elettrico, da rumore, da vibrazioni, da sovraccarico biomeccanico, da agenti cancerogeni e mutageni, amianto, ATEX, da incidenti rilevanti ed altre tipologie di rischio.

Il modulo B costituisce il corso di specializzazione e si articola in macro-settori definiti considerando i rischi in base alla classificazione dei settori ATECO. I macro-settori sono 9 e riguardano industria, agricoltura, pesca, estrazione minerali, industria chimica, sanità e servizi sociali, pubblica amministrazione, attività artigianali ecc.

Il modulo C è di specializzazione, è per soli RSPP e riguarda la formazione sulla prevenzione e sulla protezione dei rischi psico-sociali, di natura ergonomica, da organizzazione del lavoro, da turnazione e derivanti da stress lavoro-correlato.

I compiti del Servizio di Prevenzione e Protezione sono:

1. dall’individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all’individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell’organizzazione aziendale;

2. la pianificazione, per quanto di competenza, delle misure preventive e protettive e i sistemi di controllo di tali misure;

3. elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali;

4. proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori;

5. partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché alla riunione periodica;

6. fornire ai lavoratori le informazioni.

Il RSPP è un soggetto di prevenzione con compiti di consulenza che opera in posizione di neutralità. La legge non prevede sanzioni contravvenzionali per il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione; tuttavia egli è responsabile del reato di evento se l’infortunio si verifica a causa della mancata verifica di taluni adempimenti. Nell’assolvere l’incarico di RSPP il professionista analizza la realtà aziendale e si trova ad affrontare aspetti sia legati alla sicurezza e prevenzione che di natura tecnica rientranti nelle proprie competenze.

 

GEOMETRA BELLONE R.