Pratiche edilizie abitative

NORME IGIENICHE DEI LOCALI NORMATIVE ASL LOCALI

 

Requisiti igienico-sanitari nei locali di abitazione (RLI)

L’altezza minima interna utile dei locali adibiti

ad abitazione è fissata in m 2,70 riducibili a

m 2,40 per i corridoi, i disimpegni in genere,

i bagni, i gabinetti ed i ripostigli. Nei Comuni

montani al di sopra dei m 1000 sul livello del

mare può essere consentita, tenuto conto

delle condizioni climatiche locali e della

locale tipologia edilizia, una riduzione

dell’altezza minima dei locali abitabili a

m 2,55. Le altezze minime previste nel

primo e secondo comma possono essere

derogate entro i limiti già esistenti e

documentati per i locali di abitazione di edifici

situati in ambito di comunità montane

sottoposti ad interventi di recupero edilizio e

di miglioramento delle caratteristiche igienico

sanitarie quando l’edificio presenti

caratteristiche tipologiche specifiche del luogo

meritevoli di conservazione ed a condizione

che la richiesta di deroga sia accompagnata

da un progetto di ristrutturazione con soluzioni

alternative atte a garantire, comunque,

in relazione al numero degli occupanti, idonee

condizioni igienico-sanitarie dell’alloggio,

ottenibili prevedendo una maggiore superficie

dell’alloggio e dei vani abitabili ovvero la

possibilità di una adeguata ventilazione

naturale favorita dalla dimensione e tipologia

delle finestre, dai riscontri d’aria trasversali e

dall’impiego di mezzi di ventilazione

naturale ausiliaria.

Per ogni abitante deve essere assicurata una

superficie abitabile non inferiore a mq 14,

per i primi 4 abitanti, ed a mq 10, per ciascuno

dei successivi. Le stanze da letto debbono

avere una superficie minima di mq 9, se

per una persona, e di mq 14, se per due

persone.

Ogni alloggio deve essere dotato di una

stanza di soggiorno di almeno mq 14.

Le stanze da letto, il soggiorno e la cucina

debbono essere provvisti di finestra apribile.

Ferma restando l’altezza minima interna di

m 2,70, salvo che per i comuni situati al di

sopra dei m. 1000 sul livello del mare per i

quali valgono le misure ridotte già indicate

all’art. 1, l’alloggio monostanza, per una

persona, deve avere una superficie minima,

comprensiva dei servizi, non inferiore a mq 28

e non inferiore a mq 38, se per due persone.

Gli alloggi debbono essere dotati di impianti

di riscaldamento ove le condizioni climatiche

lo richiedano. La temperatura di progetto

dell’aria interna deve essere compresa tra i

18 °C ed i 20 °C; deve essere, in effetti,

rispondente a tali valori e deve essere uguale

in tutti gli ambienti abitati e nei servizi, esclusi

i ripostigli. Nelle condizioni di occupazione e di

uso degli alloggi, le superfici interne delle parti

opache delle pareti non debbono presentare

tracce di condensazione permanente.

Tutti i locali degli alloggi, eccettuati quelli

destinati a servizi igienici, disimpegni, corridoi,

vani scala e ripostigli debbono fruire di

illuminazione naturale diretta, adeguata alla

destinazione d’uso.

Per ciascun locale d’abitazione, l’ampiezza della

finestra deve essere proporzionata in modo

da assicurare un valore di fattore luce diurna

medio non inferiore al 2%, e comunque la

superficie finestrata apribile non dovrà essere

inferiore a 1/8 della superficie del pavimento.

Per gli edifici compresi nell’edilizia pubblica

residenziale occorre assicurare, sulla base

di quanto sopra disposto e dei risultati e

sperimentazioni razionali, l’adozione di

dimensioni unificate di finestre e, quindi,

dei relativi infissi.

Quando le caratteristiche tipologiche degli

alloggi diano luogo a condizioni che non

consentano di fruire di ventilazione naturale,

si dovrà ricorrere alla ventilazione meccanica

centralizzata immettendo aria opportunamente

captata e con requisiti igienici confacenti.

E’ comunque da assicurare, in ogni caso,

l’aspirazione di fumi, vapori ed esalazioni nei

punti di produzione (cucine, gabinetti, ecc.)

prima che si diffondano. Il “posto di cottura”,

eventualmente annesso al locale di soggiorno,

deve comunicare ampiamente con quest’ultimo

e deve essere adeguatamente munito di

impianto di aspirazione forzata sui fornelli.

La stanza da bagno deve essere fornita di

apertura all’esterno per il ricambio dell’aria o

dotata di impianto di aspirazione meccanica.

Nelle stanze da bagno sprovviste di apertura

all’esterno è proibita l’installazione di corpi

a fiamma libera. Per ciascun alloggio, almeno

una stanza da bagno deve essere dotata dei

seguenti impianti igienici: vaso, bidet, vasca

da bagno o doccia, lavabo.

I materiali utilizzati per le costruzioni di alloggi

e la loro messa in opera debbono garantire

un’adeguata protezione acustica agli ambienti

per quanto concerne i rumori da calpestio,

rumori da traffico, rumori da impianti o

apparecchi comunque installati nel fabbricato,

rumori o suoni aerei provenienti da alloggi

contigui e da locali o spazi destinati a servizi

comuni. All’uopo, per una completa osservanza

di quanto sopra disposto occorre far

riferimento ai lavori ed agli standards

consigliati dal Ministero dei lavori pubblici o

da altri qualificati organi pubblici.

Tutta la parte delle istruzioni ministeriali 20

giugno 1896 incompatibile o, comunque, in

contrasto con le presenti disposizioni deve

ritenersi abrogata.

Si vedano i RLI Comunali.

EDILIZIA RESIDENZIALE CONDONI ALBERGHIERA PUBBLICA OSPEDALIERA ETC.

 

LEGGI E NORME PER L’EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA

1. legge 17 agosto 1942, n. 1150  Legge urbanistica
2. legge 3 novembre 1952, n. 1902 Misure di salvaguardia degli strumenti urbanistici ….
3. legge 18 aprile 1962, n. 167 Disposizioni per favorire l’edilizia economica e popolare
4. legge 29 settembre 1964, n. 847 Autorizzazione ai comuni a contrarre mutui (opere di urbanizzazione)
5. d.m. (ll.pp.) 1 aprile 1968, n. 1404 Distanze minime a protezione del nastro stradale … nella edificazione fuori dai centri abitati
6. d.m. (ll.pp.) 2 aprile 1968, n. 1444 Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati
7. legge 19 novembre 1968, n. 1187 Modifiche e integrazioni alla legge urbanistica …
8. legge 22 ottobre 1971, n. 865 Programmi e coordinamento per l’edilizia residenziale pubblica …
9. legge 5 novembre 1971, n. 1086 Norme per le opere in cemento armato
10. legge 2 febbraio 1974, n. 64 Provvedimenti per le costruzioni con prescrizioni per le zone sismiche
11. legge 27 maggio 1975, n. 166 Norme per interventi straordinari di emergenza per l’attività edilizia
12. d.m. (sanità) 5 luglio 1975 Altezza minima e requisiti igienico-sanitari … dei locali di abitazione.
13. legge 28 gennaio 1977, n. 10 Norme in materia di edificabilità dei suoli (Bucalossi)
14. d.m. ll.pp. 10 maggio 1977, n. 801 Determinazione del costo di costruzione di nuovi edifici
15. legge 5 agosto 1978, n. 457 Norme per l’edilizia residenziale
16. legge  regionale 7 Giugno 1980, n. 93 Norme in materia di edificazione nelle zone agricole
17. d.m. (interno) 16 febbraio 1982 Elenco attività soggette a certificato di prevenzione incendi VV.FF.
18. legge 25 marzo 1982, n. 94 Conversione del d.l. n. 9 del 1982 – Edilizia residenziale …. (Nicolazzi)
19. legge 7 dicembre 1984, n. 818 Norme sulla prevenzione incendi
20. legge 28 febbraio 1985, n. 47 Norme … controllo attività urbanistico edilizia e sanatoria opere abusive (condono)
21. legge regionale 24 maggio 1985, n. 46 Snellimento delle procedure per la vigilanza sulle costruzioni in zone sismiche
22. legge regionale 1 giugno 1985, n. 69 Provvedimenti eccezionali in materia edilizia per interventi di ripristino degli immobili danneggiati o rovinati per le precipitazioni nevose del gennaio 1985
23. Legge regionale 10 giugno 1985, n. 77 Disposizioni di attuazione della legge n. 47 del 28.2 .1985 recante : norme in materia di controllo sull’attività urbanistico – edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere abusive
24. legge 8 agosto 1985, n. 431 Conversione d.l. n. 312 del 1985 – Zone di interesse ambientale (Galasso)
25. legge 9 gennaio 1989, n. 13 Disposizioni il superamento e l’eliminazione barriere architettoniche (Piro)
26. legge 24 marzo 1989, n. 122 Disposizioni in materia di parcheggi … (Tognoli)
27. d.m. (ll.pp.) 14 giugno 1989, n. 236 Regolamento per il superamento eliminazione barriere architettoniche
28. legge 5 marzo 1990, n. 46 Norme per la sicurezza degli impianti
29. legge 9 gennaio 1991, n. 10 Norme per il Piano energetico nazionale e il risparmio energetico
30. d. legisl. 15 agosto 1991, n. 277 Attuazione direttive CEE protezione lavoratori … rischi esposizione … sul lavoro (amianto)
31. d.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447 Regolamento di attuazione legge n. 46 del 1990 (sicurezza impianti)
32. legge 5 febbraio 1992, n. 104 Legge quadro per … i diritti delle persone handicappate
33. legge 17 febbraio 1992, n. 179 Norme sull’edilizia residenziale pubblica (Botta-Ferrarini)
34. d.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Regolamento recante norme per la progettazione, l’installazione, l’esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici …
35. legge 4 dicembre 1993, n. 493 Conversione del decreto-legge 5 ottobre 1993 , n. 398 (d.i.a.)
36. legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull’inquinamento acustico
37. d.P.R. 12 aprile 1996 Atto di indirizzo e coordinamento per l’attuazione dall’art. 40 comma 1, della legge n. 146/1994, … in materia di V.I.A.
38. legge 8 ottobre 1997, n. 352 Disposizioni sui beni culturali (Veltroni)
39. d.P.R. 12 gennaio 1998, n. 37 Regolamento dei procedimenti di prevenzione incendi
40. d.m. (interno) 4 maggio 1998 Presentazione e contenuto delle domande di prevenzione incendi VV.FF.
41. legge 9 dicembre 1998, n. 431 Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo
42. legge 30 aprile 1999, n. 136 Norme di sostegno e di rilancio dell’edilizia residenziale pubblica
43. d.P.R. 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento … modifiche al d.P.R. n. 412 del 1993, … progettazione, installazione, esercizio e manutenzione impianti termici degli edifici
44. d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380   Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia
45. circ. (urb.) 13 luglio 2001, n. 41  Criteri e indirizzi per l’applicazione della l.r. n. 1 del 2001 (Mutamenti di destinazione d’uso di immobili e …)
46. d.P.R. 22 ottobre 2001, n. 462 Regolamento … dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, … messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi
47. legge 1 agosto 2002, n. 185 Conversione in legge del decreto-legge n. 122 del 2002 – Disposizioni concernenti proroghe in materia di sfratti, di edilizia e di espropriazione
48. D.G.R. 8 novembre 2002, n. 7/11045  Linee guida per l’esame paesistico dei progetti (articoli 25 e seguenti del PTPR)
49. d.lgs. 27 dicembre 2002, n. 301 Modifiche ed integrazioni al d.P.R. n. 380 del 2001, testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di edilizia
50. d.p.c.m. 21 ottobre 2003 Disposizioni attuative dell’art. 2, commi 2, 3 e 4, dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003, recante «… costruzioni in zona sismica».
51. D.d.u.o. 21 novembre 2003, n. 19904  Approvazione elenco tipologie edilizie … attuazione disposizioni in materia di zone sismiche
52. d. legisl. 22 gennaio 2004, n. 42 Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge n. 137 del 2002
53. legge 28 maggio 2004, n. 141 Conversione del decreto-legge n. 80 del 2004 – Proroga di termini in materia edilizia
54. legge r. 21 dicembre 2004, n. 39  Norme per il risparmio energetico negli edifici …
55. legge 27 dicembre 2004, n. 308 Delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l’integrazione della legislazione in materia ambientale e misure di diretta applicazione
56. d.lgs. 19 agosto 2005, n. 192 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell’edilizia
57. d.lgs. 19 agosto 2005, n. 194 Attuazione della direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale
58. d.m. (infrastr.) 14 settembre 2005 Norme tecniche per le costruzioni
59. d.p.c.m. 12 dicembre 2005 Individuazione documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica  ai sensi dell’articolo 146, comma 3, d.lgs. n. 42 del 2004
60. legge r. 27 dicembre 2005, n. 20  Modifiche alla legge regionale n. 12 del 2005 in materia di recupero abitativo dei sottotetti esistenti
61. D.D.G. 29 dicembre 2005, n. 20109 Linee guida regionali per l’edilizia rurale
62. d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale
63. D.G.R. 15 marzo 2006, n. 8/02121 Criteri e procedure per l’esercizio delle funzioni amministrative in materia di tutela dei beni paesaggistici ai sensi della legge reg. n. 12 del 2005
64. d.lgs. 24 marzo 2006, n. 156 e 157 Disposizioni correttive ed integrative al d.lgs. n. 42 del 2004 …
65. d.m. (bb.cc.aa.) 27 settembre 2006 Criteri e modalità per la verifica dell’interesse culturale dei beni mobili appartenenti allo Stato, alle regioni, agli altri enti pubblici territoriali, nonché ad ogni altro ente ed istituto pubblico e a persone giuridiche private senza fine di lucro, che presentano interesse artistico, storico, archeologico ed etnoantropologico
66. d.lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo n. 192 del 2005, recante attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell’edilizia
LEGGI E NORME RELATIVE AL CONDONO EDILIZIO
Precedenti legislativi alla legge  di condono edilizio
1. D.P.R. 4/8/78 n. 413: Concessione di amnistia ed indulto.
2. L.R. Sicilia 29/2/80 n. 7: Norme sul riordino urbanistico edilizio.
3. L.R. Lazio 2/5/80 n. 28: Norme concernenti l’abusivismo edilizio ed il recupero dei nuclei edilizi sorti spontaneamente.
4. L.R. Sicilia 18/4/81 n. 70: integrazioni e modifiche alla Legge regionale 29/2/80 n. 7 recante norme sul riordino urbanistico edilizio.
5. Disegno di Legge n. 3135: Modifiche ed integrazioni all’articolo 15della Legge 28/1/77 n. 10 recante sanzioni amministrative in materia edilizia ed urbanistica. Discipline e recupero delle opere abusive realizzate prima dell’entrata in vigore della medesima legge.
6. D.L. 31/7/82 n. 486: Misure urgenti in materia di entrate fiscali.
7. D.L. 30/9/82 n. 688: Misure urgenti in materia di entrate fiscali.
8. L.R. Lazio 28/4/83 n. 27: Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 2/5/80 n. 28 che detta norme concernenti l’abusivismo edilizio ed il recupero dei nuclei sorti spontaneamente.
9. D.L. 5/10/83 n. 529: Norme per la rilevazione e la sanatoria delle opere edilizie abusive.
Atti relativi alla formazione della legge 28/2/85 n. 47
1. proposta di legge n. 548: Disciplina e recupero delle opere abusive realizzate.
2. Proposta di legge n. 685: Norme per la sanatoria dell’abusivismo nella piccola edilizia abitativa.
3. Disegno legge 833: norme in materia di controllo dell’attività urbanistico edilizia, sanzioni amministrative, recupero e sanatoria delle opere abusive.
4. Disegno di legge 833: testo approvato dalla camera dei Deputati
Condono edilizio
1. Legge 28/2/85 n. 47: Norme in materia di controllo dell’attività urbanistico – edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere abusive.
2. D.L. 23/4/85 n. 146, convertito con modifiche nella legge 21/6(85 n. 298: Proroga di alcuni termini di cui alla legge 28/2/85 n. 47.
3. D. L. 20/11/85 n. 656.
4. D.L. 9/12/86 n. 823: modifiche alla legge 47/85
5. Legge Regionale Lombardia 9/5/1992 n. 19: Disposizioni di attuazione degli art. 7,8,25 della legge 28/2/85 n. 47 e successive modificazioni in materia di abusivismo edilizio.
6. D.L. 5/10/93 n. 398, convertito in legge il 4/12/93 n. 493: Disposizioni per l’accelerazione degli investimenti ed il sostegno dell’occupazione e per la semplificazione dei procedimenti in materia edilizia. art. 4 commi 13 – 14 – 15.
7. Legge 23/12/1994 n. 724.
8. D.L. 26/7/1994 n. 468.
9. D. L. 27/9/1994 n. 551
10. D.L. 1994 n. 601
11. D.L. 25/11/1994 n. 649
12. Legge 23/12/94 n. 724: Misure di razionalizzazione della finanza pubblica: art. 39, definizione agevolata delle violazioni edilizie.
13. D.L. 27/3/1995 n. 88
14. D.L. anno 1995 n. 24
15. Legge  anno 1995 n. 85
16. Legge 23/12/1996 n. 662:
17. Circolare 17/6/95 n. 2241/UL: Applicazione della normativa in materia di definizione agevolata delle violazioni edilizie.
18. Legge 28/2/97 n. 30: Disposizioni urgenti in materia tributaria, finanziaria, contabile a completamento della manovra di finanza pubblica per l’anno 1997. art. 10.
19. D.M. 7/3/97: Modalità di rimborso delle differenze non dovute e versate a titolo di oblazione per la sanatoria degli abusi edilizi. art. 1.
20. D.M. 26/9/97: determinazione dei parametri e delle modalità per la qualificazione della indennità risarcitoria per le opere abusive realizzate nelle aree sottoposte a vincolo.
21. D.L. 30/9/2003 n. 269: Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell’andamento dei conti pubblici
22. Legge 24/11/2003 n. 326: Conversione in legge del D.L. 30/9/2003 n. 269, art. 32.
23. D.L. 12/7/2004 n. 168: proroga del condono edilizio al 10/12/04
24. D.L. 29/11/2004 n. 282. proroga pagamento oblazioni condono edilizio.
25. Legge Regionale Lombardia 3/11/2004 n. 31
LEGGI E NORME PER L’EDILIZA ALBERGHIERA
1. R.D. 24/5/1925 n. 1102: Approvazione del regolamento per le migliorie tecniche negli alberghi.
2. R.D. 27/71934 n. 1265: testo unico delle leggi sanitarie (art. 231 – 232).
3. R.D.L. 18/1/1937 n. 975: Classificazione degli alberghi e delle pensioni (convertito in legge 30/12/1937 n. 2651).
4. R.D.L. 5/9/1938 n. 1729: Modificazione alla classificazione degli alberghi, delle pensioni e delle locande (convertito in legge 18/1/1939 n. 382).
5. R.D.L. 8/11/1938 n. 1908: Norme per disciplinare, in deroga ai regolamenti edilizi comunali, l’altezza degli edifici destinati ad uso albergo.
6. Legge 18/7/1980 n. 406: Norme sulle attività alberghiere esistenti. Disposizioni per la prevenzione incendi
7. Deliberazione della Giunta Regionale Lombardia 5/2/1999 n. 6/41269:Semplificazione delle procedure di verifica e di valutazione di impatto ambientale di cui al D.P.R. 12/4/1996. Modifica e integrazione della D.G.R. n. 6/39975 del 27/11/1998 concernente le modalità organizzative di verifica e di V.I.A. e integrazione della D.G.R. n. 5/40137 del 3/12/1998 concernente gli atti spettanti alla dirigenza della Direzione Generale Urbanistica.
8. Legge 11/5/1999 n. 140: Proroga dei termini di adeguamento delle attività alberghiere alla prevenzione incendi.
9. Decreto Ministeriale 7/4/1999 (pubblicato sulla G.U. del 20/4/99 n. 91): Modificazione dell’allegato al Decreto ministeriale 9/4/1999 recante l’approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la costruzione e l’esercizio delle attività ricettive turistico – alberghiere.
10. Legge 29/3/2001 n. 135: Riforma della legislazione nazionale del turismo.
EDILIZIA AGEVOLATA
– Decreto MEF n. 153 del 09/05/2002: Regolamento recante disposizioni modificative del decreto ministeriale 18/2/1998 n. 41, in materia di detrazioni per le spese di ristrutturazione edilizia.
-Delibera CIPE n. 1 del 14/2/2002: Adeguamento limiti di reddito per l’acceso ai programmi di edilizia agevolata gestiti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.
-Decreto Legge n. 390 del 26/10/2001: Proroga dell’efficacia dei decreti di occupazione d’urgenza delle aree destinate al programma di ricostruzione di cui al titolo VIII della legge 14/5/1981 n. 219.
-Legge n. 136 del 30/04/1999: Norme per il sostegno ed il rilancio dell’edilizia residenziale pubblica e per interventi in materia di opere a carattere ambientale.
-Delibera CIPE n. 259 del 18/12/1997: Determinazioni in materia di agevolazioni in forma automatica nelle aree depresse (legge n. 266/1997, art. 8).
-Legge n. 662 del 23/12/1996: misure di razionalizzazione della finanza pubblica
-Circolare Ministero dei Lavori Pubblici n. 3825 del 1/8/1995: accertamento dei requisiti soggettivi per l’edilizia agevolata.
-D.M. Lavori Pubblici 05/08/1994: determinazione dei massimi di costo per gli interventi di edilizia residenziale sovvenzionata e di edilizia residenziale agevolata.
-D.M. Lavori Pubblici 21/12/1994: programmi di riqualificazione urbana a valere sui finanziamenti di cui all’art. 2. comma 2, della legge 17/2/1992 n. 179 e successive modificazioni ed integrazioni.
-Circolare Ministero dei Lavori Pubblici n. 122/1 del 14/2/1990: Programmi di edilizia agevolata e convenzionata finanziati con normativa anteriore alla legge 5/8/78 n. 457
EDILIZIA CONVENZIONATA
-D.M. Ministero Lavori Pubblici 27/04/1998: Ripartizione alle regioni della riserva operata, per le finalità di cui all’art. 31 della legge n. 104/1992, dalla deliberazione CIPE del 16/3/1994.
-D.M. Ministero Lavori Pubblici21/12/1994: Programmi di riqualificazione urbana a valere sui finanziamenti di cui all’art. 2, comma 2, della legge 17/2/ 1992 n. 179 e successive modificazioni ed integrazioni.
-Circolare Ministero Lavori Pubblici n. 122 del 14/2/1990: programmi di edilizia agevolata e convenzionata finanziati con normativa anteriore alla legge 5/8/78 n. 457.
-Legge n. 13 del 09/01/1989: disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati
-D.M. Ministero Lavori Pubblici n. 236 del 14/6/1989: Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l’accessibilità, l’adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata.
-Decreto Legge n. 393 del 25/9/1987: Norme in materia di locazione di immobili ad uso non abitativo, nonché di cessione e di assegnazione di alloggi di edilizia agevolata – convenzionata.
-DPCM del 15/5/1987: Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per l’accesso dei cittadini comunitari all’edilizia residenziale pubblica.
-Legge n. 168 del 22/4/1982. Misure fiscali per lo sviluppo dell’edilizia abitativa.
-Legge n. 39 del 10/2/1982. Autorizzazione alle aziende dipendenti dal Ministero delle Poste e Telecomunicazioni a proseguire nella realizzazione dei programmi di potenziamento e di riassetto dei servizi e di costruzione di alloggi di servizio per il personale.
-D.L. n. 9 del 23/1/1982: Norme per l’edilizia residenziale e provvidenze in materia di sfratti.
-D.L. n. 629 del 15/12/1979. Dilazione dell’esecuzione dei provvedimenti di rilascio per gli immobili adibiti ad uso di abitazione e provvedimenti urgenti per l’edilizia.
-Legge n. 457 del 05/8/1978: Norme per l’edilizia residenziale.
-Legge n. 10 del 28/1/1977: Norme per l’edificabilità dei suoli.
-D.L. n. 376 del 13/8/1975: provvedimenti per il rilancio dell’economia riguardanti le esportazioni e le opere pubbliche.
-Legge n. 685 del 27/7/1967: Approvazione del programma economico nazionale per il quinquennio 1966 – 70.
EDILIZIA SOVVENZIONATA
-Legge 30/4/1999 n. 136: Norme per il sostegno ed il rilancio dell’edilizia residenziale pubblica e per interventi in materia di opere a carattere ambientale.
-D. M. Ministero dei Lavori Pubblici del 20/5/1998: Modificazioni al decreto 22/10/1997 recante approvazione del bando di gara relativo al finanziamento di interventi sperimentali nel settore dell’edilizia residenziale sovvenzionata.
-Legge 23/12/1996 n. 662: misure di razionalizzazione della finanza pubblica.
-Circolare n. 28/Segr. Del 16/1/1995 – Decreto Ministeriale 5/8/1994: determinazione dei limiti massimi di costo per gli interventi di edilizia residenziale sovvenzionata e di edilizia residenziale agevolata.
-D. M. Ministero dei Lavori Pubblici del 5/8/1994: Determinazione dei limiti massimi di costo per gli interventi di edilizia residenziale sovvenzionata e di edilizia residenziale agevolata.
-D. M. Ministero dei Lavori Pubblici del 21/12/1994: programmi di riqualificazione urbana a valere sui finanziamenti di cui all’art. 2, comma 2, della legge 17/2/1992 e successive modificazioni ed integrazioni.
-D.L. n. 398  del 5/10/1993: Disposizioni per l’accelerazioni degli impianti a sostegno dell’occupazione e per la semplificazione dei procedimenti in materia di edilizia.
-Legge 17/2/1992 n. 179: Norme per l’edilizia residenziale pubblica.
-D. M. Ministero dei Lavori Pubblici del 26/4/1991: Aggiornamento dei limiti massimi di costo per gli interventi di edilizia agevolata residenziale pubblica, ai sensi della legge 5/8/78 n. 457, determinati dal Comitato esecutivo per l’edilizia residenziale.
-D.M. Ministero dei Lavori Pubblici n. 236 del 14/06/1989: prescrizioni tecniche necessarie a garantire l’accessibilità, l’adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata.
-Legge 9/1/1989 n. 13: Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati.
-DPCM del 15/5/1987: Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per l’accesso dei cittadini comunitari all’edilizia residenziale pubblica.
-Legge 28/2/1985 n. 47: norme in materia di controllo dell’attività urbanistico – edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie.
-D. M. Ministero dei Lavori Pubblici del 23/5/1984: Aggiornamento dei limiti massimi di costo per gli interventi di edilizia residenziale pubblica agevolata.
-D. M. del Ministero dei Lavori Pubblici  del 10/8/1984: modalità di accreditamento dei fondi C.E.R. agli istituti autonomi per le case popolari.
-D.L. n. 9 del 23/1/1982: Norme per l’edilizia residenziale e provvidenze in materia di sfratti
-D.L. n. 629 del 15/12/1979. Dilazione dell’esecuzione dei provvedimenti di rilascio per gli immobili adibiti ad uso di abitazione e provvedimenti urgenti per l’edilizia.
-Legge n. 457 del 05/8/1978: Norme per l’edilizia residenziale.
-Legge n. 492 del 16/10/1975: Conversione in legge con modificazioni del D.L. 13/8/1975 n. 176, concernente provvedimenti per il rilancio dell’economia riguardanti esportazioni, l’edilizia e le opere pubbliche.
-D.L. n. 376 del 13/8/1975: Provvedimenti per il rilancio dell’economia riguardanti le esportazioni, l’edilizia e le opere pubbliche.
-Legge 28/3/1968 n. 422: Norme in materia di edilizia sovvenzionata
-Legge n. 685 del 27/7/1967: Approvazione del programma economico nazionale per il quinquennio 1966 – 70.
PROGRAMMAZIONE  EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA
-Decreto Ministero Infrastrutture e Trasporti del 08/03/2006: Completamento del programma innovativo in ambito urbano – Contratti di quartiere II.
-Decreto del Ministero dei Trasporti del 30/12/2002: modifiche al decreto 27/12/2001 relativo ai programmi innovativi in ambito urbano denominati “Contratti di quartiere II”:
-Decreto Ministeriale 27/12/2001: Programma sperimentale di edilizia residenziale denominata “Alloggi in affitto per gli anziani degli anni 2000”.
-Legge 30/4/1999 n. 136: Norme per il sostegno ed il rilancio dell’edilizia residenziale pubblica e per interventi in materia di opere a carattere ambientale.
-D.M. Lavori Pubblici del 30/10/1997: Modificazione al D.M. 21/12/1994 per la realizzazione dei programmi di riqualificazione urbana a valere sui finanziamenti di cui all’art. 2, comma 2 della legge 17/2/92 n. 179 e successive modifiche ed integrazioni.
-D.M. Lavori Pubblici del 04/02/1995: Modificazione al D.M. 21/12/1994 per la realizzazione dei programmi di riqualificazione urbana a valere sui finanziamenti di cui all’art. 2, comma 2 della legge 17/2/92 n. 179 e successive modifiche ed integrazioni.
-D.M. Lavori Pubblici del 21/12/1994: programmi di riqualificazione urbana a valere sui finanziamenti di cui all’art. 2 comma 2 della legge 17/2/92 n. 179 e successive modificazioni ed integrazioni.
-D.L. 5/10/1993 n. 398: disposizioni per l’accelerazioni degli impianti a sostegno dell’occupazione e per la semplificazione dei procedimenti in materia edilizia.
-Legge 17/2/1992 n. 179: Norme per l’edilizia residenziale pubblica.
-D.L. n. 629 del 15/12/1979. Dilazione dell’esecuzione dei provvedimenti di rilascio per gli immobili adibiti ad uso di abitazione e provvedimenti urgenti per l’edilizia.
-Legge n. 457 del 05/8/1978: Norme per l’edilizia residenziale.
-DPR  del 24/7/1977 n. 616: Attuazione della delega di cui all’art. 1 della legge 382 del 22/7/1975.
-Legge 22/10/1971 n. 865: programmi e coordinamento dell’edilizia residenziale pubblica, norme sulla espropriazione per pubblica utilità; modifiche ed integrazioni alle LL. 17/8/1942 n. 1150; 18/4/1962 n. 167; 29/9/1964 n. 847;
-Legge 28/3/1968 n. 422: Norme in materia di edilizia sovvenzionata.
-Legge  27/7/1967 n. 685: Approvazione del programma economico nazionale per il quinquennio 1966/70.
-D.L. 6/9/1965 n. 1022: Norme per l’incentivazione dell’attività edilizia.
-Legge 4/11/1963 n. 1460: disposizioni per l’incremento dell’edilizia economica e popolare.
-Legge 28/2/1949 n. 43: provvedimenti per incrementare l’occupazione operaia, agevolando la costruzione di case per lavoratori.
CESSIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA
-Circolare Ministero delle Finanze 23/5/2001 n. 5: Legge 23/12/2000 n. 388, art. 43 comma 5. Nuovi  adempimenti degli uffici provinciali dell’Agenzia del Territorio in materia di alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica.
-Legge  28/1/1994 n. 85: Differimento del termine per la presentazione del piano di cessione degli alloggi.
ESPROPRIAZIONI DI AREE PER L’EDILIZIA ECONOMICO – POPOLARE
-Legge 23/12/1996 n. 662: Misure di razionalizzazione della finanza pubblica.
-Legge 17/271992 n. 179: norme per l’edilizia residenziale pubblica.
-D.L. 29/12/1987 n. 534: Coordinato con la legge di conversione 25/2/1985 n. 47 recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative ed interventi di carattere assistenziale ed economico.
-D.L. 23/1/1982 n. 9: norme per l’edilizia residenziale e provvidenze in materia di sfratti.
-Legge 5/8/1978 n. 457: norme per l’edilizia residenziale.
-D.L. 2/5/1974 n. 115: Norme per accelerare i programmi di edilizia residenziale.
-Legge 2/10/1971 n. 865: programmi e coordinamento dell’edilizia residenziale pubblica; norme sulla espropriazione per pubblica utilità; modifiche ed integrazioni alle LL17/871942 n. 1150; 18/4/1962 n. 167; 28/9/1964 n. 847.
-Legge 29/3/1965 n. 217: norme per accelerare i programmi edilizi della Gestione case per i lavoratori e degli altri enti di edilizia economica e popolare.
-Legge 4/11/1963 n. 1460: Disposizioni per l’incremento dell’edilizia economica e popolare.
-Legge 18/4/1962 n. 167: Disposizioni per favorire l’acquisizione di aree fabbricabili per l’edilizia economica e popolare.
-R.D. 28/4/1938 n. 1165: Approvazione del testo unico delle disposizioni sull’edilizia popolare ed economica.
LEGGI E NORME RELATIVE ALL’EDILIZIA OSPEDALIERA
1. D.C.G. 20/7/1939: Approvazione delle istruzioni per le costruzioni ospedaliere.(abolito dalla legge 492/93).
2. Legge 12/2/1968 n. 132: enti ospedalieri e assistenza ospedaliera. (titolo III, titoli IV, Titoli V).
3. Legge 1968 n. 132
4. decreto 1969 n. 128
5. Decreto 1969 n. 129
6. D.M. 5/8/77: Determinazioni dei requisiti tecnici delle case di cura private.
7. Decreto Ministro Lavori Pubblici 14/6/1989 n. 236: superamento delle barriere architettoniche.
8. D.L. 19/9/1994: Attuazione direttive CEE per la sicurezza e salute nei luoghi di lavoro
9. D.L. 19/3/1996 n. 242: Modifiche ed integrazioni al D.L. 19/9/1994 626 attuazione direttive per la sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, art. 16.
10. D.P.R. 24/7/1996 n. 503: superamento delle barriere architettoniche.
11. D.M. 10/3/1998: prevenzione incendi.
12. Decreto Ministero dell’Interno 18/9/2002: prevenzione incendi delle strutture sanitarie
13. Circolare del Ministero dell’Interno 1/3/2002 n. 4: linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti persone disabili.
14. Decreto Ministero dell’Interno 18/9/2002: Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.
15. Decreto legislativo 16/10/2003 n. 288 (pubblicato sulla G.U. 27.10.2003 n. 250): Riordino della disciplina degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico a norma dell’art. 42 comma 1 della legge 16/1/2003 n. 3.
LEGGI E NORME RELATIVE ALL’EDILIZIA SCOLASTICA
1. D.M. 4/5/1925: Approvazione delle norme per la compilazione dei progetti di edifici scolastico scuole secondarie.
2. Circolare del Ministero dei Lavori Pubblici 13/11/1941 n. 45: Direttive per la compilazione dei progetti edilizi delle scuole industriali medie e superiori e tecniche.
3. Circolare 2/4/1955 n. 4246 del Ministero dei Lavori Pubblici: Progetti per la costruzione di edifici scolastici.
4. D.P.R. 1/12/1956, n. 1988: Approvazione di nuove norme per la compilazione dei progetti di edifici ad uso delle scuole elementari e materne.
5. Circolare 10/871957 n. 2308 del Ministero dei Lavori Pubblici: Istruzioni tecniche sull’applicazione delle “nuove norme per la compilazione dei progetti di edifici ad uso delle scuole elementari e materne” di cui alla Legge 1988/56.
6. Legge 7/2/1958 n. 88: palestre e impianti sportivi, art. 5 – 6.
7. Circolare 29/9/1964 n. 3930: Rapporto tra amministrazioni statali e comunali. Dimensionamento delle attrezzature scolastiche nei piani di zona. Rilevamento dei dati riguardanti i piani di zona. Rilevamento dei dati riguardanti gli altri piani urbanistici.
8. Circolare 26/3/1965 n. 3625 del Ministero dei Lavori Pubblici: Norme per la progettazione di edifici destinati alle scuole medie.
9. Circolare 6/5/1965 n. 5122 del Ministero dei Lavori Pubblici: Edifici scolastici ad elementi modulari prefabbricati.
10. Circolare 10/2/1966 n. 2345: edilizia scolastica prefabbricata.
11. Legge 28/7/1967 n. 641: nuove norme per l’edilizia scolastica e universitaria.
12. D.L. 24/10/1969 n. 701: Norme integrative e modificative della legge 641/67 sull’edilizia scolastica e universitaria
13. Legge 22/12/1969 n. 952: trasformazione in legge del D.L. 701/69.
14. D.M. 21/3/1970: Norme tecniche relative all’edilizia scolastica, ivi compresi gli indici minimi di funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica, da osservarsi nella esecuzione di edilizia scolastica.
15. Legge 5/8/75 n. 412: Norme sull’edilizia scolastica
16. D.M. 18/12/1975 n. 18: Norme tecniche aggiornate relative all’edilizia scolastica, ivi compresi gli indici minimi di funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica, da osservarsi nella esecuzione di opere di edilizia scolastica.
17. D.L. 5/9/1988 n. 390:Disposizioni urgenti per l’edilizia scolastica.
18. Legge 5/3/1990 n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti.
19. D.P.R. 6/12/1991 n. 447. Prevenzione incendi. Regolamento di attuazione della Legge 5/3/1990 n. 46. Norme per la sicurezza degli impianti.
20. Legge 5/2/1992 n. 104: abbattimento delle barriere architettoniche. Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e diritti delle persone handicappate.
21. Decreto del Ministero dell’Interno 26/8/1992: Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica.
22. D.L. anno 1994 n. 626.
23. D.L. 16/4/1994 n. 297
24. Legge 11/1/1996 n. 23: norme per l’edilizia scolastica
25. D.P.R. 24/7/1996 n. 503: Abbattimento delle barriere architettoniche. Regolamento recante norme per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici.
26. Circolare Ministero dell’Interno 30/10/1996 n. P2244/4122 sott.32. Impianti e prevenzione incendi.
27. Legge 2/10/1997 n. 340: Norme in materia di organizzazione scolastica e di edilizia scolastica.
28. D.M. 10/3/1998: Impianti e prevenzione incendi. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro.
29. Legge 16/6/98 n. 191: Disposizioni in materia di edilizia scolastica.
30. Circolare del Ministero dell’Interno 6/8/98 n. 23/98: Edilizia scolastica. Chiarimenti in ordine all’applicazione della disciplina dettata dall’art. 5 della legge 16/6/1998 n. 191.
31. Decreto Ministero della Pubblica istruzione 29/9/1998 n. 382: Regolamento recante norme per l’individuazione delle particolari esigenze negli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, ai fini delle norme contenute nel D.L. 626/94e successive integrazioni.
32. Circolare Ministeriale 29/4/1999 n. 119: Decreto626/94 e successive modifiche, D.M. 382/98, sicurezza nei luoghi di lavoro, indicazioni attuative.
33. Legge 3/8/1999 n. 265 (art. 15), in applicazione del D.L. 626/94: termini per gli interventi di carattere strutturale finalizzati all’adeguamento e messa a norma degli edifici scolastici all’interno delle “Disposizioni in materia di autonomia e ordinamento degli enti locali, nonché modifiche alla legge 8/6790 n. 142.
34. Legge 10/2/2000 n. 30: legge quadro in materia di riordino dei cicli dell’istruzione
35. L.R. Lombardia 20/12/2000 n. 115: Nuove norme per l’edilizia scolastica.
36. Legge 14/11/2000 n. 338.
37. Legge 23/12/2000 n. 388.
38. D.M. 9/5/2001 n. 118 del Ministero dell’Istruzione: Standard minimi dimensionali e qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici concernenti la realizzazione di alloggi e residenze per studenti universitari di cui alla legge 14/11/2000 n. 338 e 23/12/2000 n. 388.
39. Deliberazione 29/11/2002 n. 101/02 (pubblicata sulla G.U. del 11/4/03 n. 85): Edilizia scolastica: integrazioni del programma approvato con delibera n. 89 del 26/6/1996.
40. Ordinanza del 20/3/2003 n. 3274. Normativa antisismica.e Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2/10/2003: primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica e successive modifiche ed integrazioni.
41. D.L. 9/11/1994 n. 266. In applicazione del D.L. 626/94: proroga o differimento dei termini previsti da disposizioni legislative.
42. D.L. 30/12/2004 n. 314.
43. Legge 1/3/2005 n. 26, in applicazione del D.L. 626/94: Conversione in legge con modificazioni del D.L. 30/12/2004, n. 314 (recante proroga di termini, art. 4-bis (Adeguamento degli edifici scolastici)
44. Ordinanza del presidente del Consiglio dei Ministri 3/5/2005 n. 3431. Ulteriori modifiche e integrazioni all’ordinanza n. 3274/2003.
45. Deliberazione 02/12/2005 n. 157/05 (pubblicata sulla G.U. del 22/05/06 n. 117): I programmi delle opere strategiche. Piano straordinario di messa in sicurezza degli edifici scolastici (art. 80 comma 21 legge 27/12/2002 n. 289) modifica delibera n. 102/2004.
LEGGI E NORME PER I LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO
1. Legge 4/4/1940 n. 406: Classificazione delle sale cinematografiche
2. Circolare Ministero dell’Interno 15/2/1951 n. 16: Norme di sicurezza per la costruzione, l’esercizio e la vigilanza dei teatri, cinematografi ed altri locali di pubblico spettacolo.
3. Circolare Ministero dell’Interno 24/1/1963 n. 12: Modifiche alla circolare ministeriale 16/51
4. Circolare Ministero dell’Interno 1/371963 n. 28: modifiche alla circolare ministeriale 16/51
5. Circolare Ministero del Turismo e Spettacolo 15/11/1963: Classificazione delle sale cinematografiche.
6. Circolare Ministero dell’Interno 14/8/1964: Prevenzione incendi nei palcoscenici.
7. Legge 4/11/1965 n. 1213: nuovo ordinamento dei provvedimenti a favore della cinematografia.
8. Circolare Ministero dell’Interno 29/7/1971 n. 72:Modifiche alla circolare ministeriale n. 16/51
9. Circolare Ministero dell’Interno 27/8/1971 n. 79: Norme di sicurezza per i locali destinati a trattenimenti danzanti, concerti, conferenze ecc. di capienza inferiore a 150 persone.
10. Circolare Ministero degli Interni 22/3/1972 n. 1010068/13500.A: Locali per pubblici spettacoli e manifestazioni. Attuazione disposizioni previste dall’art. 27 della legge 30/3/71 n. 118 recante nuove norme in favore dei mutilati ed invalidi civili.
11. Circolare Ministero dell’Interno 25/2/1976 n. 13: Modifica dell’art. 90 della circolare ministeriale 16/76
12. Circolare Ministero del Turismo e Spettacolo 9/3/1978 n. 2039/T4104: Teatri – Tenda.
13. Circolare Ministero del Turismo e Spettacolo 9/5/1980 n. 05670/AG.37: Apertura nuove sale cinematografiche.
14. Circolare Ministero dell’Interno 16/6/1980 n. 16: Modifiche e chiarimenti alla circolare ministeriale n. 16/51.
15. Decreto Ministero del Turismo e Spettacolo 22/7/1982: Determinazione per il biennio 1982 – 1983 dei criteri per la concessione dell’autorizzazione alla costruzione, trasformazione e adattamento di immobili da destinare a sale e arene per spettacoli cinematografici, all’ampliamento di sale e arene cinematografiche già in attività, nonché alla destinazione di teatri a sale cinematografiche.
16. Decreto Ministro dell’Interno 6/7/1983: Norme sul comportamento al fuoco delle strutture e dei materiali da impiegarsi nella costruzione di teatri, cinematografi ed altri locali di pubblico spettacolo.
17. Circolare Ministero dell’Interno 25/8/1983: decreto interministeriale 6/7/1983.
18. D.M. 28/8/1984: Modificazioni al D.M. 6/7/1983 concernente norme sul comportamento al fuoco delle strutture e dei materiali da impiegarsi nella costruzione di teatri, cinematografi ed altri locali di spettacolo.
19. Decreto Ministeriale 28/8/1984: modificazioni al D.M. 6/7/83
20. Circolare Ministero dell’Interno 22/7/1989 n. 12721: locali di pubblico spettacolo con capienza inferiore a 150 posti. Deroghe per la larghezza della seconda uscita.
21. Circolare Ministero dell’Interno 8/2/1990 n. 4: locali di pubblico spettacolo con capienza inferiore a 150 posti. Deroghe per la larghezza della seconda uscita.
22. Circolare Ministero dell’Interno 13/12/1990 n.21723: Norme sull’abbattimento delle barriere architettoniche.
23. Circolare Ministero dell’Interno 7/1/1991 n.153: locali di pubblico spettacolo con capienza inferiore a 150 posti. Deroghe per la larghezza della seconda uscita.
24. Circolare Ministero dell’Interno 31/5/1996 n. 15: locali di pubblico spettacolo, valori dei sovraccarichi nel dimensionamento dei solai.
25. Decreto Ministeriale 19/8/1996: Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo.
26. Circolare Ministero dell’Interno 23/1/1997: Chiarimenti e indirizzi del D.M. 19/8/96.
27. Circolare Ministero dell’Interno 27/3/1997: Chiarimenti sul termine “capienza” di un locale di pubblico spettacolo ed intrattenimento.
28. Circolare Ministero dell’Interno 27/11/2000 n. 23: Sipari di sicurezza dei teatri.
29. Circolare Ministero dell’Interno 11/1/2001 n. P47/4109: Gioco del Bingo. Chiarimenti ed indirizzi applicativi di prevenzione incendi.
30. Decreto Ministeriale 6/3/2001: modifiche ed integrazioni al Decreto Ministro dell’Interno 19/8/1996 relativamente agli spettacoli e trattenimenti a carattere occasionale svolti all’interno di impianti sportivi, nonché all’affollamento delle sale da ballo e discoteche.
V.I.A. e V.A.S.
LEGISLAZIONE COMUNITA’ EUROPEA
Direttiva (CE) 97/11: Consiglio, 3 marzo 1997 G.U.C.E. 14 marzo 1997, n. L 073  Modifica alla direttiva 85/337/CEE concernente la valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati.
LEGISLAZIONE NAZIONALE
-Testo coordinato del Decreto-Legge 12 maggio 2006, n. 173: Testo del decreto-legge 12 maggio 2006, n. 173, coordinato con la legge di conversione 12 luglio 2006, n. 228 (in questa Gazzetta Ufficiale – alla pagina 4), recante: «Proroga di termini per l’emanazione di atti di natura regolamentare e legislativa». (GU n. 160 del 12-7-2006)
-V.I.A. (CODICE DELL’AMBIENTE): Art. 1-septies – Modifica al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152: Norme in materia ambientale. (G.U. n. 88 del 14/04/2006 – S.O. n. 96) – Testo vigente – aggiornato, da ultimo, al D.L. 28 dicembre 2006 n. 300 – cd. “Decreto milleproroghe” (G.U. n. 300 del 28/12/2006) e alla Finanziaria 2007 (L. n. 296/2006, pubblicata nella GU n. 299 del 27.12.2006 – S. O. n. 244)
-Decreto Legislativo 17 agosto 2005, n. 189: Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 20 agosto 2002, n. 190, in materia di redazione ed approvazione dei progetti e delle varianti, nonche’ di risoluzione delle interferenze per le opere strategiche e di preminente interesse nazionale. (GU n. 221 del 22-9-2005- Suppl. Ordinario n.157)
-Circolare 1 giugno 2005: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. Disposizioni concernenti il pagamento dello 0,5 per mille ai sensi dell’articolo 27 della legge 30 aprile 1999, n. 136, come modificato dall’articolo 77, comma 2, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, per le opere assoggettate alla procedura di VIA statale di cui all’articolo 6 della legge 8 luglio 1989, n. 349. (GU n. 143 del 22-6-2005)
-Legge 18 aprile 2005, n. 62: Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunita’ europee. Legge comunitaria 2004. (GU n. 96 del 27-4-2005 – S.O. n.76)
-Art. 19 (Delega al Governo per il recepimento della direttiva 2001/42/CE, concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente)
-Art. 30 (Recepimento dell’articolo 5, paragrafo 2, della direttiva 85/337/CEE del Consiglio, del 27 giugno 1985, in materia di valutazione di impatto ambientale)
-Circolare 18 ottobre 2004: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. Disposizioni concernenti il pagamento del contributo dello 0,5 per mille, ai sensi dell’articolo 27 della legge 30 aprile 1999, n. 136, cosi’ come modificato dall’articolo 77, comma 2, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, per le opere assoggettate alla procedura di VIA Statale, di cui all’articolo 6 della legge 8 luglio 1986, n. 349. (GU n. 305 del 30-12-2004)
-Decreto 1 aprile 2004: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. Linee guida per l’utilizzo dei sistemi innovativi nelle valutazioni di impatto ambientale. (GU n. 84 del 9-4-2004)
-Legge 16 gennaio 2004, n. 5. Testo del decreto-legge 14 novembre 2003, n. 315 (in Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 268 del 18 novembre 2003), coordinato con la legge di conversione 16 gennaio 2004, n. 5, recante: “Disposizioni urgenti in tema di composizione delle commissioni per la valutazione di impatto ambientale e di procedimenti autorizzatori per le infrastrutture di comunicazione elettronica.”. (GU n. 13 del 17-1-2004)
-Decreto Legge 14 novembre 2003, n. 3 15: Disposizioni urgenti in tema di composizione delle commissioni per la valutazione di impatto ambientale e di procedimenti autorizzatori per le infrastrutture di comunicazione elettronica. (GU n. 268 del 18-11-2003) (Convertito in L.n. 5/2004)
-Legge 31 ottobre 2003, n.306: Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunita’ europee. Legge comunitaria 2003. (GU n. 266 del 15-11-2003- Suppl. Ordinario n.173) ART. 15. (Recepimento dell’articolo 2, paragrafo 3, della direttiva 85/337/CEE concernente la valutazione di impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati).
-Testo coordinato del Decreto-Legge 18 febbraio 2003, n.25: Testo del decreto-legge 18 febbraio 2003, n. 25 (in Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 41 del 19 febbraio 2003), coordinato con la Legge di conversione 17 aprile 2003, n. 83:  (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 4), recante: “Disposizioni urgenti in materia di oneri generali del sistema elettrico e di realizzazione, potenziamento, utilizzazione e ambientalizzazione di impianti termoelettrici”. (GU n. 92 del 19-4-2003)
-Circolare 25 novembre 2002: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. Integrazione delle circolari 11 agosto 1989, 23 febbraio 1990, n. 1092/VIA/A.O.13.I e 15 febbraio 1996 del Ministero dell’ambiente, concernente “Pubblicita’ degli atti riguardanti la richiesta di pronuncia di compatibilita’ ambientale di cui all’art. 6 della legge 8 luglio 1986, n. 349, modalita’ dell’annuncio sui quotidiani”. (GU n. 291 del 12-12-2002)
-Decreto Legislativo 20 agosto 2002, n.190: Attuazione della legge 21 dicembre 2001, n. 443, per la realizzazione delle infrastrutture e degli insediamenti produttivi strategici e di interesse nazionale.  (GU n. 199 del 26-8-2002- Suppl. Ordinario n.174) Testo coordinato alle modifiche introdotte a seguito della dichiarazione di illegittimità costituzionale (Sent. Corte Cost. n. 303/2003), al D. Lgs. 189/2005 e al D.Lgs. 152/2006
-Legge 9 aprile 2002, n. 55: Testo del decreto-legge 7 febbraio 2002, n. 7 (in Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 34 del 9 febbraio 2002), coordinato con la legge di conversione 9 aprile 2002, n. 55 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 3), recante: “Misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale”. (Testo Coordinato del Decreto-Legge 7 febbraio 2002, n.7) (Pubblicato su GU n. 84 del 10-4-2002).
-Provvedimento 20 marzo 2002: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio – Pronuncia di compatibilita’ ambientale DEC/VIA/7014 concernente il progetto relativo ai lavori di ammodernamento e adeguamento al tipo 1/A delle norme C.N.R./80 della autostrada Salerno-Reggio Calabria – tratto compreso tra il km 411+400 (svincolo di Bagnara Calabra escluso) al km 442+920 (svincolo di Reggio Calabria incluso) da realizzarsi nei comuni di Bagnara Calabra, Scilla, Villa S. Giovanni, Campo Calabro e Reggio Calabria, presentato dall’ANAS Ente nazionale per le strade – Ufficio speciale infrastrutture. (GU n. 102 del 3-5-2002)
-Provvedimento 23 gennaio 2002: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio – Piano di sviluppo aeroportuale – valutazione impatto ambientale. (G.U. del 25.02.2002, n. 47).
-Legge 23 marzo 2001, n. 93: Disposizioni in campo ambientale. (Gazz. Uff., 4 aprile, n. 79).  (L’art. 6 è abrogato a decorrere dall’entrata in vigore della parte seconda del D. Lgs. 152/2006. Detto termine, già prorogato al 31 gennaio 2007 ai sensi dell’art. 52 del citato D.Lgs n. 152/2006, come modificato dal D.L. 173/2006, convertito, con modifiche, in L. n.228/2006, è stato ulteriormente prorogato al 31 luglio 2007 dal D. L. n. 300/2006)
-Legge 24 novembre 2000, n. 340: “Disposizioni per la delegificazione di norme e per la semplificazione di procedimenti amministrativi pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 275 del 24 novembre 2000 (Modifiche alla L. 241/90)
-Decreto del Presidente della Repubblica 3 dicembre 1999, n. 549: Regolamento recante norme di organizzazione delle strutture di livello dirigenziale generale del Ministero dell’ambiente. (Gazz. Uff., 21 marzo, n. 67).
-Norma Tecnica UNI 31.07.1999, n. 10743: Impatto ambientale – Linee guida per la redazione degli studi di impatto ambientale relativi ai progetti di impianti di trattamento di rifiuti speciali (pericolosi e non).
-D.P.R. 2 settembre 1999, n. 348: Regolamento recante norme tecniche concernenti gli studi di impatto ambientale per talune categorie di opere.   G.U.R.I. 12 ottobre 1999, n. 240
-D.P.C.M. 3 settembre 1999: Atto di indirizzo e coordinamento che modifica ed integra il precedente atto di indirizzo e coordinamento per l’attuazione dell’art. 40, comma 1, della legge 22 febbraio 1994, n. 146, concernente disposizioni in materia di valutazione dell’impatto ambientale.(Gazz. Uff., 27 dicembre, n. 302).  (D.P.C.M. abrogato a decorrere dall’entrata in vigore della parte seconda del D. Lgs. 152/2006. Detto termine, già prorogato al 31 gennaio 2007 ai sensi dell’art. 52 del citato D.Lgs n. 152/2006, come modificato dal D.L. 173/2006, convertito, con modifiche, in L. n.228/2006, è stato ulteriormente prorogato al 31 luglio 2007 dal D. L. n. 300/2006)
-Dirett. P.C.M. 4 agosto 1999: Applicazione della procedura di valutazione di impatto ambientale alle dighe di ritenuta. (G.U. serie gen. n. 216).
-D.P.R. 3 luglio 1998: Termini e modalità dello svolgimento della procedura di valutazione di impatto ambientale per gli interporti di rilevanza nazionale. (Gazz. Uff., 24 settembre, n. 223).
-Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112: Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della l. 15 marzo 1997, n. 59. (Suppl. ordinario alla Gazz. Uff., 21 aprile, n. 92). Testo coordinato ed aggiornato al d.l. 7 settembre 2001, n. 343.
-D.P.R. 11 febbraio 1998: Disposizioni integrative al del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988, n. 377, in materia di disciplina delle pronunce di compatibilità ambientale, di cui alla l. 8 luglio 1986, n. 349, art. 6. (Gazz. Uff., 27 marzo, n. 72).
-Legge 1 luglio 1997, n. 189: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1° maggio 1997, n. 115, recante disposizioni urgenti per il recepimento della direttiva 96/2/CE sulle comunicazioni mobili e personali. (Gazz. Uff., 1° luglio, n. 151).
-D.P.R. 12 aprile 1996: Atto di indirizzo e coordinamento per l’attuazione dell’art. 40, comma 1, della l. 22 febbraio 1994, n. 146, concernente disposizioni in materia di valutazione di impatto ambientale. (Gazz. Uff., 7 settembre, n. 210). (D.P.R. abrogato a decorrere dall’entrata in vigore della parte seconda del D. Lgs. 152/2006. Detto termine, già prorogato al 31 gennaio 2007 ai sensi dell’art. 52 del citato D.Lgs n. 152/2006, come modificato dal D.L. 173/2006, convertito, con modifiche, in L. n.228/2006, è stato ulteriormente prorogato al 31 luglio 2007 dal D. L. n. 300/2006)
-Legge 3 novembre 1994, n. 640: Ratifica ed esecuzione della convenzione sulla valutazione dell’impatto ambientale in un contesto transfrontaliero, con annessi, fatto a Espoo il 25 febbraio 1991. (S.O. Gazz. Uff., 22 novembre, n. 273).
-Legge 7 agosto 1990, n. 241 e succ. mod.: Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi. (in Gazz. Uff., 18 agosto, n. 192). (N.B.: il presente testo è stato più volte modificato).
-D.P.C.M. 27 dicembre 1988:Norme tecniche per la redazione degli studi di impatto ambientale e la formulazione del giudizio di compatibilità di cui all’art. 6 della legge 8 luglio 1986, n. 349, adottate ai sensi dell’art. 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988, n. 377. G.U.R.I. 5 gennaio 1989, n. 4 Testo Coordinato (aggiornato al D.P.R. 2 settembre 1999, n. 348)  (Ai sensi dell’art. 51, c. 2, del D.Lgs. 152/2006, a decorrere dall’entrata in vigore della parte seconda dello stesso D. Lgs. – prorogata al 31 gennaio 2007 dal D.L. 173/2006, in sede di conversione in L. 228/2006 ed ulteriormente prorogato al 31 luglio 2007 dal D.L. n. 300/2006 – il D.P.C.M. 377/1988 “non trova applicazione…fermo restando che, per le opere o interventi sottoposti a valutazione di impatto ambientale, fino all’emanazione dei regolamenti di cui al comma 1 continuano ad applicarsi, per quanto compatibili, le disposizioni di cui all’articolo 2 del suddetto decreto”)
-D.P.C.M. 10 agosto 1988, n. 377: Regolamentazione delle pronunce di compatibilità ambientale di cui all’art. 6 della legge 8 luglio 1986, n. 349, recante istituzione del Ministero dell’ambiente e norme in materia di danno ambientale. (Gazz. Uff., 31 agosto, n. 204).(Ai sensi dell’art. 51, c. 2, del D.Lgs. 152/2006, “Le norme tecniche emanate in attuazione delle disposizioni di legge di cui all’articolo 48, ivi compreso il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 dicembre 1988, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 4 del 5 gennaio 1989, restano in vigore fino all’emanazione delle corrispondenti norme di cui al comma 3”.)
-Legge 8 luglio 1986, n. 349: S. O. n. 59 G.U.R.I. 15 luglio 1986, n. 162 Istituzione del Ministero dell’ambiente e norme in materia di danno ambientale. Testo Coordinato (aggiornato alla legge 3 agosto 1999, n. 265, alla legge 2000, n. 388 e alla legge 23 marzo 2001, n. 93 e al D.Lgs. 152/2006)
LEGGE REGIONE LOMBARDIA
-Lombardia Legge del 03/09/1999 n. 20: Norme in materia di impatto ambientale. B.U.R.L. – S.O. n. 36 del  6 settembre 1999.